Contattaci Contattaci
Pubblicato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 16:26

Stop alla movida, si allarga il dibattito

Lapenna: "Disposto ad aprire un dibattito"; Udc: "Più controlli", Giovani: "Calpestate le nostre speranze"

Movida di Vasto Marina
VASTO. Si allarga la protesta attorno alla decisione del sindaco Lapenna di non autorizzare più la musica dal vivo fuori dai locali. La scelta, sin da subito poco condivisa dal mondo dei commercianti, trova contrari anche gruppi musicali e giovani: i primi perchè non riusciranno più ad arrotondare con le esibizioni nei locali, tutti gli altri, invece, gradirebbero che una città turistica come Vasto sia un pò più movimentata, specie nei mesi estivi. Ciò, ovviamente, in danno di chi nelle ore notture preferisce la quiete.

Di seguito pubblichiamo la lettera di un giovane, Andrea, cantante della band 'Overcut' di Vasto, che sintetizza il malumore che aleggia nel suo ambiente.

"Vasto, città di arte, cultura e turismo diceva il vistoso cartello di benvenuto.
Vasto, città di restrizioni, cattiva amministrazione e disorganizzazione sarà il nuovo benvenuto della nostra città. Il nuovo inaccettabile divieto dato dal nostro primo cittadino, che evidentemente non essendo di Vasto, non ha a cuore nè l'economia, nè il divertimento della cittadina, è stato quello di vietare la musica fuori dai locali.
Le attività commerciali sono quelle che, per quanto possibile, hanno tenuto "in vita" l'estate vastese dato che gli eventi organizzati dal Comune sono stati a dir poco miseri; anche la notte bianca è stata una iniziativa dei commercianti.
Questa ennesima restrizione oltre a danneggiare le varie attività, musicisti, e dj della zona, colpisce direttamente e in malo modo la musica stessa che è sicuramente l'espressione artistica più apprezzata e seguita .
In più la musica crea aggregazione e riunisce le teste più diverse guidando i sentimenti e le emozioni degli ascoltatori facendo sì che tutti si sentano parte dello stesso insieme. Nel palazzo del comune di Vasto sono comodamente sedute alcune persone che hanno 'campato' con la musica e che ancora adesso si dicono appassionati di questa, ma i fatti parlano in maniera diversa.
Io come tanti, ho aiutato con il mio voto Il sindaco Lapenna sperando che una giunta di "sinistra" avrebbe fatto qualcosa di buono specie per arte e cultura, ma lui non ha fatto altro che smentire e calpestare queste speranze, le stesse che lo hanno portato ad essere primo cittadino. I live all'esterno dei locali sono concentrati tutti nei due, massimo tre mesi estivi, e in un paese che basa la sua economia sul turismo è impensabile non offrire a cittadini e turisti delle serati musicali.
Non credo francamente che la repressione di eventi artistico-culturali nonchè ricreativi sia la giusta soluzione da prendere per tutelare il sonno di chi vuole dormire; basterebbe assicurarsi che i locali sospendano i "concerti" nei limiti d'orario consentiti.

Questo magari indirizzando il lavoro dei vigili e degli ausiliari sul rispetto di queste regole civiche e non solo sul fare multe sfrenate in una cittadina che l'inverno non arriva a coprire il numero dei parcheggi, figuriamoci l'estate.
Come ultima cosa vorrei ricordare alla nostra amministrazione che l'estate 2010 ha visto una Vasto Marina svuotata di eventi e di gente, e che le lamentele si sono sentite ma ovviamente sono state ignorate.
Le nostre spiagge potrebbero essere utilizzate meglio, anzi, dovrebbero essere utilizzate, e non solo il 16 agosto come contentino.

E' a dir poco assurdo che per vedere un concerto in spiaggia o comunque sulla costa si debba andare, per esempio, a Petacciato o San Salvo Marina, con tutti i chilometri di costa disponibile nel vastese.
Questo denuncia una totale mancanza di 'sfruttamento' delle nostre risorse naturali e quindi di interesse per la crescita del paese stesso.
Con la speranza che questa lettera di protesta faccia riflettere amministrazione e cittadini porgo i miei più sinceri saluti."


Andrea, cantante della band OVERCUT di Vasto

LA REPLICA DEL SINDACO LUCIANO LAPENNA.
"Caro Andrea, consentimi qualche precisazione alla tua lettera al periodico "Il Grillo" Io, come Sindaco di Vasto, in questi anni sono stato più volte denunziato alla Magistratura per non aver imposto misure a tutela della quiete pubblica. Ho sempre avuto a cuore le esigenze dei giovani e le ordinanze degli orari di chiusura dei pubblici esercizi a Vasto, sono tra le più permissive oggi in vigore in Italia (es. a Roma e Rimini si chiude alle 24). In questi giorni ho voluto richiamare l'attenzione degli esercenti, al rispetto delle norme che obbligano la previa autorizzazione per l'intrattenimento musicale su area pubblica. Semplicemente questo! Ho chiesto troppo? Il mio ha inteso tutelare i tanti cittadini che vivono a Vasto centro e nella Marina che, a fine agosto, chiedono di poter dormire dopo una certa ora. Nessuno può vietare ai titolari di autorizzazione di esercitare l'intrattenimento musicale, purchè si dotino dei relativi permessi. E' lecito invocare il rispetto delle leggi per una città civile e vivibile per tutti? Caro Andrea, sul numero di eventi ti invito a rileggere il programma delle manifestazioni estive che, non ha eguali nella storia di Vasto; così come ti prego di non sottovalutare l'impegno per dare alla nostra Vasto un cartellone di eventi non solo quantitativamente ma anche qualitativamente all'altezza di una città di arte e di cultura. Gli attestati che ci arrivano da più parti, soprattutto dai turisti, ci dicono che abbiamo colto nel segno. La notte bianca è stata voluta dall'Amministrazione ed alla stessa hanno collaborato anche i Commercianti.Sono d'accordo che "la musica crea aggregazione e riunisce le teste più diverse", tant'è vero che questa amministrazione ha voluto fortemente il rilancio del Teatro Rossetti e della Scuola Civica Musicale che assicurano a Vasto non solo l'estate (v. i "Concerti di Mezzanotte" ed i "Seminari Musicali I", ma anche nella stagione invernale, una programmazione musicale degna, non stento ad affermarlo, dei più importanti teatri italiani. A meno che tu non creda che la musica sia limitata ai concerti sulla spiaggia. Caro Andrea, se sei interessato sono pronto a riprendere gli argomenti trattati ed allargare il discorso su tutti i temi che riguardano la vita della città in un incontro che eviti critiche generiche e si apra ad un reale confronto a tutto campo."

LA REPLICA DI ANDREA (OVERCUT):"ACCOLGO L'INVITO AD UN CONFRONTO"

"Ringrazio il sindaco Lapenna per aver risposto alla mia lettera e di seguito rispondo...
Lei dice: "Nessuno può vietare ai titolari di autorizzazione di esercitare l'intrattenimento musicale, purchè si dotino dei relativi permessi." Le ricordo che nel comunicato lei diceva stop ai permessi, e se non li dà il comune dove li vanno a prendere? è ovvio che i locali con i permessi possono fare intrattenimento. Inoltre è evidente che la sua idea di divertimento sia nettamente differente dalla mia che non ritengo ad esempio, con tutta la stima e il rispetto per l'artista, un concerto della Ricciarelli un evento adatto ai giovani e neanche quelle di un coro polifonico e la stragrande maggioranza delle iniziative prese dal comune. Senza dilungarmi troppo concludo dicendole che io non credo che la musica sia limitata ai concerti sulla spiaggia, ma se lei vede il concerto sulla spiaggia come un'idea limitata si sbaglia di grosso perchè le assicuro che non lo è. Accolgo volentieri il suo invito ad un confronto a tutto campo e le dò quindi la mia piena disponibilità."


L'INTERVENTO DELL'UDC: "PIU' INTERVENTI DA PARTE DEI VIGILI"
"Quando si parla di movida - ha affermato il segretario Laccetti - si deve fare una riflessione alla ricerca di una soluzione che venga incontro alle esigenze di chi ha diritto al riposo ma anche chi non vuole rinunciare alla vita notturna.
Un importante occasione che la città ha per non soffrire di una recessione sociale ed economica è sicuramente rappresentata dal movimento umano, dall’incontro di persone, dal creare e vivere eventi (come la Notte Bianca, i concerti in Piazza ecc.) che rendono la nostra città viva.
E’ inutile schierarsi pro o contro qualcosa, va trovata una soluzione che concili le esigenze dei cittadini e quelle dei turisti.
Bisogna sicuramente sensibilizzare i giovani al rispetto di chi vuole riposare e i gestori dei locali ad una maggiore collaborazione, ma soprattutto occorrono più interventi da parte dei vigili, che dovrebbero gestire il caos congestionato dei giovani e multare, qualora fosse necessario, per disturbo della quiete pubblica."



Foto
Movida di Vasto MarinaMovida Vasto MarinaMovida Vasto Marina
50 Commenti
paopaolo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Sabato, 4 settembre 2010 alle 08:50
andrè puoi fare quello che vuoi... il problema sono , escludendo i 30 musicisti locali, gli altri 39970 vastesi.. evidentemente. Io suono, suonavo. Adoro i locali con musica live. Ricordo ancora quella pizzeria in piazza, mi pare gianfranco, che ogni giovedi faceva suonare gente. Era bello davvero. Ma se due o tre intolleranti che abitano a 800metri chiamano i carabinieri e sporgono querela, la musica finisce. Malgrado il gestore, il sindaco, le centinaia di persone che ogni giorno X godono di musica e intrattenimento... e malgrado le centinaia di persone che non sono interessate, abitano vicino e NON denunciano nulla. PErche sanno vivere. Purtroppo o per fortuna fare il sindaco non è come fare lo sceriffo. E te lo dice uno che fa parte di un movimento di sinistra, al quale frega meno di ZERO di difendere un'amministrazione piuttosto che un'altra. Ti dico solo che 'sta cagata delle autorizzazioni è un metterci una toppa, perche quando sei stretto tra leggi e leggette.. e "cio che sarebbe giusto", non sempre puoi fare la scelta piu giusta. Ma solo quella meno dannosa. Dal canto mio, darei via libera alla musica nei locali. Semplicemente farei controlli un giorno si e uno no dei decibel, dei permessi, del pagamento di siae e enpals. Cosi si fa tutto a norma di legge (leggi nazionali). Solo che cosi a parte qualche "noto" gruppetto che giustamente ora protesta, la maggior parte dovrebbe stare a casa, per non pagare multe salatissime. PS: altro scandalo? Se non erro i decibel per un intrattenimento musicale "a dischi" possono essere di piu di quello "live". Misteri dell'italia.
Stefano Moretti su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Venerdì, 3 settembre 2010 alle 15:23
Finchè c'è vita c'è speranza....poi non lo so!
malu su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Venerdì, 3 settembre 2010 alle 12:10
qua si è già spento tutto?
Stefano Moretti su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Giovedì, 2 settembre 2010 alle 14:13
Vasto o si sbriga a puntare tutto sul turismo o resterà tagliata fuori. La nostra salvezza economica è il turismo. Fare turismo però significa crescere professionalmente e culturalmente perchè se si resta così non abbiamo molte chances. Non si può fare turismo tutelando gli interessi di quattro famiglie come hanno fatto i nostri politici per decenni. Dico ai giovani di svegliarsi e di unirsi intorno ad un progetto a prescindere dal colore politico. E' l'unica strada per rimandare a casa tutta questa classe politica marcia da destra a sinistra e dare finalmente un volto nuovo a questa città. I giovani di vasto, da soli, sono in numero sufficiente per esprimere un Sindaco!! Ragazzi meditate!!
Andrea OVERCUT su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 14:39
esatto è questo il punto della situazione ... ma se sarà necessario andrò direttamente in comune accompagnato da qualche giornalista locale per documentare la cosa e chiederò una data per un incontro...
A su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 14:11
Al sindaco non gliene importa molto perchè tanto sa che gli è rimasto poco!!! Vasto pensa di essere arrivata ai livelli di Rimini e invece è ancora sott zero...non si può pagare 2 euro un cono piccolo cn due misere palline di gelato per poi mangiarselo camminando nel vuoto...perchè quest'anno Vasto Marina era vuota...a parte qualche sabato di agosto non c'era nessuno.E' una città di vecchi e per i vecchi e nessuno fa niente per dare spazio ai giovani che irrimediabilmente se ne vanno...faremo la fine dei paesotti di montagna che stanno qua intorno e dove non vive nessuno se continuiamo così.Poi lamentarsi proprio quest'anno del rumore fatto dai musicisti mi sembra una cosa assurda dato che non mi risulta ci siano state molte serate nei locali con l'accompagnamento musicale,tantomeno i lidi hanno organizzato qualcosa...o mi sbaglio??Io non ne ho viste quindi di che si lamentano?? quest'estate ho conosciuto vari turisti che hanno chiaramente detto che probabilmente non torneranno a Vasto perchè non c'è niente...Non possiamo basarci solo sulle bellezze storico-artistiche che abbiamo!!Come ha detto qualcuno più su,perchè non si fanno le multe a chi viola la legge invece di bloccare tutte le autorizzazioni??non è giusto che chi rispetta limiti e orari debba pagare per colpa di quei pochi che se ne fregano!
Andrea Overcut su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 12:19
Ma il sindaco laPenna perchè dopo aver proposto un confronto a tutto campo è sparito senza dare una data e una sede? La sua proposta era stata accettata e gradita ....
malu su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 11:11
una sola cosa volevo dire.... possibile che il commento per aver tolto l'autorizzazione per suonare fuori dai locali è stato " per colpa di pochi pagano tutti"? ma non si usa più fare le multe a chi infrange le regole? perchè dobbiamo pagare tutti se ci sono troppe simpatie per fare multe ai commercianti? vasto è piccola, e molti dei magheggi tra commercianti/comune/forze dell'ordine li conosciamo tutti. FATE PAGARE CHI DEVE!!! NO NOI CITTADINI!
paopaolo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 10:41
alla fine per i soliti esercenti incapaci ci rimettono o i cittadini "residenti" , o i ragazzi (e i meno giovani) che suonano e che vorrebbero fare qualche soldo con la loro passione (che ho, e che capisco pienamente). Se si prova a fare un giro "altrove", si notera come piu e piu locali hanno intrattenimento musicale all'esterno. Ma ad un volume tale che SE sei vicino senti.. altrimenti senti la musica del locale vicino. Qua invece "daje, pompa il volume cosi si sente da 5 km e viene gente". Per suonare all'aperto, ed intrattenere I CLIENTI (non l'intero vicinato) basta un impiantino da 200 watt. Se invece ci si presenta con un impianto da 500, con 3 o 4 amplificatori da 100 e passa l'uno, allora non si fa intrattenimento per un locale.. si fa un concerto di quartiere. E no ragazzi. GLi esercenti devono collabrorae tra loro magari organizzando una scaletta che alterni la musica (oggi io, domani tu). "Altrove", ho visto un locale mettere musica, e la gente seduta ai due limitrofi. pagava all'esercente X, ascoltava la musica pagata da quello Y. Il giorno dopo, il contrario. Occhio ad individuare l'eventuale "nemico", altrimenti scatta una guerra tra poveri che non giova a nessuno. specie agli artisti locali ;)
francescopaolodadamo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 09:49
Cari ragazzi! Purtroppo Vasto Marina è cresciuta urbanisticamente male. Villini liberty, due chiese, due conventi, una casa di cura e una casa di "riposo", case popolari. Gli alberghi "sbattuti" in seconda fila o lontani verso San Salvo. Tutto il resto lo hanno fatto i "palazzinari" e le miopi Amministrazioni Comunali. Questa amministrazione continua a seguire le orme di quelle precedenti precedenti, per certi versi peggiorando la situazione. Modificare lo "Status Quo" (permettetemi di citare un gruppo rock) sarebbe facile ma non interessa a nessuno. I giovani che negli anni '70 passavano le nottate con me seduti sui gradini della "rotonda" si lamentavano per la noia. Gli stessi giovani adesso sono i primi a dire che vogliono ... dormire. I giovani che si lamentano adesso .... (continua)
francescopaolodadamo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 09:35
Caro Maurizio il mio problema è di avere un "omonimo" che è consigliere in Consiglio Comunale. Questo confonde le idee. Comunque grazie per quanto dici. Ti risponderò sul mio blog (francescopaolodadamo.blogspot.com). Qui lasciamo parlare del problema inerente il divieto di fare musica. Ciao
Stefano Moretti su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 08:50
Mi chiedo come diavolo fanno ad ibiza, formentera, loret de mar, benidorm, rimini, viareggio e potrei continuare all'infinito. Cari vastesi non avete capito che l'unica risorsa che resta a questo territorio e lo sviluppo del turismo. Ormai l'industria sta morendo e siamo in mano a delle multinazionali che in meno di un'ora possono decidere di chiudere e trasferire i loro stabilimenti gettando la nostra terra nella povertà e nella disoccupazione. Anni fa sono stato ad ibiza ed ho avuto l'occasione di parlare con un amministratore locale il quale mi ha detto che i loro nonni erano pescatori ed oggi invece loro sono tutti miliardari. Ad ibiza atterra e decolla un aereo gni dieci cinque minuti portando turisti da tutto il mondo. Loro ci sono riusciti noi no! Ed allora oltre ad i politici la colpa è anche della cecità e scarsa visione turistica ed imprenditoriale degli operatori. Vasto doveva partire 30 anni fa invece oggi è ancora ferma al palo e non si sa cosa aspetta. Ed intanto si continua a fare polemica sull'orario di chiusura dei locali.........ma per favore! Ad ibiza anche un buco di 10 metri quadri è adibito a birreria con i suoi tavolini posizionati lungo la piazza o la pubblica via. VASTESI SVEGLIATEVI DIVERSAMENTE SARETE TUTTI DISOCCUPATI E COSTRETTI A METTERVI A VITA A 90 AL POLITICO DI TURNO!
Franz su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Mercoledì, 1 settembre 2010 alle 07:51
Per Andrea: se provi ad andarci forse lo capisci da solo. Comunque per accorciare i tempi potresti leggere il regolamento sulle manifestazioni di Rimini; città sinonimo di divertimento sfrenato e libero. Ci sono orari, numero di decibel, tipologie di manifestazioni, procedure. Non c'è niente di nuovo sotto il sole; non c'è problema che altri non abbiano affrontato prima. La gente è la stessa dappertutto: la gente di Vasto non è diversa da quella di Forlì, o di Como, o di Spoleto, o di Rimini.
Davide su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 23:49
Si,ok...ma chi paga?
Andrea overcut su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 22:47
Davide 3 mesi scarsi l'anno e sicuramente non tutte le sere negli stessi locali si fanno live, io anche mi sveglio alle 7 per andare a lavoro ma la musica se fermata entro i limiti consentiti dalla legge non finisce poi così tardi e non credo sia il caso di farne un dramma. Le persone si lamentano quando non si fà nulla e si lamentano perchè quando si fà qualcosa hanno voglia di dormire, poi dico io,.... è possibile mai che di tutti quelli che abitano in piazza nessuno si sia mai lamentato per il VastoFilmFestival o per i concerti fatti al d'Avalos ? O vivo fuori dal mondo io, oppure ci sono meccaniche contorte .....Non credo che il comune passi un bel set di cuffie antirumore alle famiglie. Un'amministrazione non può assolutamente permettersi di far morire un paese per la mentalità ristretta ed egoista di alcuni. In più per quanto riguarda gli anziani... ma è mai possibile che alla vecchiaia solo mia nonna non ci sente più ? a volte gli suono la batteria dentro casa e sento lei che dalla stanza accanto che urla "dimmii" ...? scusate la battuta ma ci voleva....
Robin su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 22:37
Concordo con il secondo commento, anche a me questa estate é successo lo stesso. Il resto una carneficina che si scambia le accuse. 1- Perchè a mimi e la ciuculella non si balla più? 2- al beach bar non ci si puó avvicinare, acqua ghiaccio e sedano sono carissimi, a Barcellona costa meno. Detto questo quest'anno non ho visto movimento in molti locali, cosa é sucesso? Vasto sta sempre più diventando una cittá VIP dove chi fa la movida spende troppo e spesso non se lo puó permettere.
michele su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 22:24
Davide è proprio cosi' che si rimane impantanati in questo mortorio e non si farà mai niente di buono e interessante. Non pensi che chi ha orari incompatibili con la movida puo, vista la posizione del proprio immobile, agevolmente trasferirsi in zone meno al centro della vita se deve coricarsi alle 10 di sera? Non credi che è quello che succede in ogni altro posto del mondo? Non pensi che se non si fa cosi' vasto rimarrà sempre quello che è e non quello che potrebbe essere? E comunque la questione non è casino si o casino no perchè le regole per dormire dopo un'orario accettabile in piena estate ci sono. Con la scusa del casino ci si fa scudo e si giustifica uno stupido ed inaccettabile veto alle esibizioni dal vivo, pura idiozia.
Davide su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 22:05
Finalmente...commenti returns .Ecco la dimostrazione che alla fine il fatto di aver vietato il trambusto,non fa danni eccessivi.La gente non c'e' piu'e la stagione e' finita. I turisti sono ripartiti e fa pure freddo.Per l'anno prossimo chi abita vicino ai locali che fanno spettacolo devono poter installare gratis l'aria condizionata e avere un contributo con una quota per pagare la bolletta energetica.Chi deve andare a lavorare,con tutte le ragioni dei commercianti e l'impresa che deve e ripeto deve avere le possibilita' per far crescere la propria attivita',come deve fare a dormire? Con i tappi? Una soluzione bisogna trovarla .Io l'estate lavoro per il turismo e so quanto sia difficile lavorare in questi anni di crisi,ma se io non dormo ,mi incazzo perche' poi il giorno si lavora.Quelle quattro,cinque ore di sonno buono sono obbligatori,senno' si crolla.Poi ci sono i bacchettoni e le signore con la puzza sotto il naso,ma la movida altrui non deve significare la "morte"di altri.
maurizio su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 20:48
le tante idee che avevi e che difendevi con i tuoi amici da me condivise xrchè ti o sempre ammirato come persona erano solo idee mai realizzate x questa città quella sruttura dicesti che al massimo la si poteva coprire non facendola vedere dalla spiaggia,ma era un'idea.comunque al comune ci sei sempre anche s'è non in giunta.qualsiasi giunta sia stata in questi ultimi anni in questa città non a realizzato quasi niente tranne i propri interessi di parte .il turismo nella marina e stato realizzato esclusivamente da noi commercianti dando servizio sempre 365 giorni all'anno anche quando non transita nessuno nel rispetto delle regole.ciao paolo ma la movida và tutelata in etrambi gli schieramenti sia della notte che del giorno di chi deve andare al lavoro e non ha dormito.con affetto un tuo sostenitore.
Andrea Overcut su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 20:16
Franza buttare li dei link cosa sta a significare ?
francescopaolodadamo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 19:21
Maurizio, maurizio, maurizio! ma di quali idee del passato parli? e poi sai che non faccio più parte della giunta municipale? Per me quella struttura andava smontata ed usata in altro luogo. Ma poi che c'entra col discorso che stiamo facendo qui. Non avevi altre critiche da farmi?Maurizio, maurizio!
Franz su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 18:45
http://www.romagnaoggi.it/forli/2010/6/9/163497/ http://www.tuttoggi.info/articolo-17182.php http://www.comune.rimini.it/binary/comune_rimini/atti_regolamenti/reg-070-inquinamento-acustico.1127298517.pdf
massimo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 18:29
se coloro, che la maggioranza dei cittadini ha votato, approfittassero della facoltà di non rispondere almeno rimarremmo nel dubbio che sono degli incapaci
michele su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 18:08
Antonio non va bene. Perchè si continua a non mettere a fuoco il problema: a Vasto non è che c'e' una movida rumorosa, a Vasto NON C'E' NIENTE e quindi giovani annoiati fanno casino fino all'alba, puoi riflettere un po' di piu' su questo concetto? Bravo Andrea, anche con l'ultimo intervento fai un ottimo quadro descrittivo: a Vasto non si fa e non si parte perchè poi c'e' chi si lamenta e nel dubbio anche a qualche commerciante non gliene frega niente di dare spazio alle band musicali. Ma mi chiedo perchè devono farlo i commercianti? Nelle piazze e nelle spiagge sarebbe giusto che sia il comune a consentire e a patrocinare gli eventi, anche con il contributo dei commercianti che credo non mancherebbe. Non basta sbandierare sta benedetta notte bianca, il film dei pink floyd o il concerto del 16 di agosto, altrove ci sono eventi TUTTI I GIORNI e anche il resto dell'anno nei week end la scelta non manca. C'e' da lavorare molto se volete dimostrare qualcosa.
Antonio su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 17:55
Scusate l'invadenza, ma voglio lasciare un ultimissimo commento. Non ho mai detto di smettere completamente con le serate, gli eventi ecc... ho semplicemente espresso la mia opinione che forse non tutti hanno capito: per una convivenza civile tuttti dobbiamo venirci in contro, va bene la movida e va bene il rispetto nei confronti dei residenti. Se c'è buon senso da parte di tutti i problemi si risolvono automaticamente da soli. Non è difficile, ma se si continua a ragionare in questi termini diventa impossibile trovare un punto d' incontro. Siamo un centro con grandissime potenzialità, bisogna però sfruttarle in maniera intelligente, non riducendo tutto a serate monotone dove ci viene sempre proposta la solita solfa. Bisogna superare la mentalità provinciale che ci porta a dire "sta bene Rocco, sta bene tutta la Rocca"; tutti abbiamo gli stessi diritti, e tutti abbiamo gli stessi doveri. Possiamo continuare ad abbrutirci fregandocene di tutto o possiamo instaurare un dialogo civile, che spero siamo ancora in grado di tenere. Grazie per l'attenzione.
Andrea Overcut su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 17:51
Ciao Marco.. per quanto riguarda la serata saltata per i permessi io ho solo riportato quanto mi è stato detto dal gestore del locale.. "mi dispiace ragazzi ma il comune non mi dà i permessi per fare musica dato che la gente vicina si lamenta". Ora a me viene un dubbio... dato che non si trattava di suonare fuori dagli orari consentiti ma diciamo in prima serata e a VASTO MARINA, non capisco come le proteste della gente possano essere prese in considerazione. la quiete pubblica non ha un orario ? Basta la protesta di uno che ad agosto alle dieci ha voglia di dormire per intimorire il comune ? Mi dispiace che i collaboratori del sindaco stiano difendendo l'indifendibile sparando inutili cifre che francamente non giustificano nulla di quanto è stato detto. Non dirmi che questa estate è stata ricca di eventi rivolti ad un pubblico under 50 perchè affermare una cosa del genere equivale a mentire. Sono convinto che se al comune ci fosse stata l'attuale opposizione e l'estate 2010 fosse stata gestita in questo modo la lettera di protesta che io ho mandato probabilmente sarebbe stata firmata Marco Marra e non Andrea degli Overcut e le denunce per una cattiva amministrazione sarebbero state molto più rumorose. Francamente mi sarei aspettato un appoggio dalla sinistra più radicale ma evidentemente ci sono interessi diversi tra noi. Le mie priorità da musicista, ma prima di tutto da cittadino VASTESE sono divertire e divertirmi durante il periodo estivo, ovviamente nel completo rispetto delle norme di civile convivenza e di legge.... E' allucinante quanto gli esponenti dei partiti, anche i più estremi, si "adagino" nel momento in cui riescono a vincere le elezioni. Ho letto i vari commenti in disaccordo con la mia lettera e mettendoli insieme ne viene fuori un quadro del genere: 3 mesi di totale anarchia dove il rumore assordante non ha fatto dormire i poveri vecchietti.... Non credo che ci siano 2 Vasto perchè in quella dove ho passato io l'estate c'è stata tanta tanta tanta noia..... Siamo onesti per una volta... Marco per trovare un evento più "adatto ai giovani" hai dovuto citare la proiezione di un video dei pink floyd che, ok grande gruppo, ma fanno parte della storia.... Spero che il confronto a tutto campo con il sindaco ci sarà sul serio io sono qui ad aspettare .....
francescopaolodadamo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 17:25
Caro Marco (Marra) dici cose che mi fanno rabbrividire! Non vado oltre ... Solo un invito: puoi indicare (in questa sede) a Andrea quale ufficio rilascia certi permessi e a quali condizioni?
maurizio su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 17:13
sig.massimo s'è legge i primi commenti di questo dibattito c'è anche il mio ,dove c'è scrtto il regolamento commerciale,noi commercianti della marina ci siamo confrontati più volte,ma trà i vecchi e nuovi commercianti ci sono vedute molto diverse,(ma lei un locale sotto casa non l'ha mai avuto quindi non può giudicare gli altri che reclamano)per colpa di qualche collega paghiamo tutti.poi il signor d'adamo, le sue idee del passato sono passate da tempo il mondo si evolve e và avanti.diceva anni fà che vedendo il passaggio pedonale in ferro che attraversa l' ex tracciato ferroviario per accedere al primo trabbocco chè era un pugnio in un'occhio perchè dalla spiaggia era un mostro, cosa ha fatto in questi anni in comune x coprire quel mostro?le idee le abbiamo tutti purtroppo da soli non possiamo far niente sia noi commercianti che voi amministratori di qesta citta!!!!!!!quando ci sono troppi galli n z fà ma jurn!!!!!!!!
marcomarra su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 16:05
caro andrea,sei davvero certo che "non c'è stato verso di avere l'autorizzazione" ad un locale di vasto marina dove dovevate suonare?...ti invito ad approfondire perchè non mi risulta si siano usati due pesi e due misure. All'amministrazione spetta il compito di stabilire le regole, dopodichè le autorizzazioni le rilascia l'ufficio competente una volta presentato tutto ciò che viene richiesto per regolamento. Non può e non deve esistere "elasticità" nel rilasciare un permesso, o si può o non si può. Voglio aggiungere un paio di informazioni che è giusto si sappiano. Per le serate di "Spiagga 101" il consorzio Golfo D'oro aveva concordato con l'amministrazione di partecipare alle spese con un contributo di circa 7000 euro...questi soldi l'amministrazione non li ha mai visti. Per la notte bianca, l'amministrazione ha speso 16000 euro, oltre al continuo lavoro di supporto da parte dell’ufficio servizi e della polizia municipale che hanno fatto sì che tutto funzionasse. Non è corrretto dire che l'amministrazione non ha fatto niente.
massimo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 15:32
D'accordo con Michele. Il fatto che Antonio non abbia 30 anni è ancor più preoccupante ed il suo unico alibi è che quando Vasto era viva era forse troppo piccolo per godere delle serate nei locali. Antonio dovrebbe riflettere sui diritti dei vecchietti (per l'amore di Dio sacrosanti) e delle migliaia di giovani vastesi e turisti. Purtroppo c'è inevitabilmente un'interesse economico a reggere le richieste dei commercianti, ma che ben venga caro Antonio perchè non tutti a Vasto vanno a dormire la notte come i vecchietti, come chi ha lavorato in fabbrica o come te.
michele su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 14:30
Antonio, ma gli anziani che per 3 mesi non possono chiudere occhio stanne sol a lu uast? Ma non facciamo ridere i polli, come fanno gli anziani che abitano nei posti dove il centro storico è molto piu' vivo? Mistero. Hai mai sentito parlare di tolleranza, visto che ti richiami a certi valori? La tolleranza non fa scopa con l'ignoranza pero'. Non è questione di abbassare i volumi, smettiamola coi travestimenti del problema, Vasto è una città che se fosse solo per loro sarebbe un posto dimenticato da dio, un autentico mortorio, dove pero', vuoi mettere, si dorme bene, pure nella casetta arret a la piazze. Indietro tutta, prova a scrivere cosa c'e' di divertente o di interessante a Vasto per spenderci una vacanza che non sia solo sole, mare, magnate e dormite.
Fabio su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 13:33
Sedersi seneramente ad un tavolo è un ottima cosa,discutiamone con gli amministratori,trovando una soluzione condivisa il più possibile,ma non vietiamo ai live di esistere,perchè abbiamo dato il de profudis a questo paese,anche io ricordo i bei tempi dei locali alla marina,poi misteriosamente ha aperto qualche potente e addio tutto....in questa decisione non vorrei ci fossero i soliti poteri forti della città...a pensar male certe volte non si sbaglia....
Antonio su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 13:32
Il problema vero è che troppe persone hanno la bocca piena di parole, e non provano a vedere la realtà a 360° . Siamo tutti "ambientalisti", poi però ce ne sbattiamo dell' inquinamento acustico; siamo tutti "impegnati" però ce ne freghiamo degli anziani che per 3 mesi non possono chiudere occhio. Tanto noi ci possiamo alzare alle 11, non andiamo a lavorare e chi se ne frega se molte persone si devono svegliare presto anche avendo dormito pochissimo. Vivere civilmente vuol dire anche (e soprattutto) avere rispetto di tutti, e non credo che abbassare i volumi e tenere un comportamento un po' più civile impedisca alle persone di passare una bella serata. Se questo ragionamento lo posso fare io che non ho ancora 30 anni vuol dire che lo può fare chiunque . Il mio è un invito a riflettere sul fatto che convivenza vuol dire rispetto. E questo dovrebbe verificarsi sempre. Grazie per l'attenzione
massimo su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 12:42
Caro sindaco, l'indirizzo delle amministrazioni della nostra cara città è stato sempre volto a negare ai giovani l'opportunità di investire sul territorio le loro risorse e le loro idee. Più comodo per voi miserabili nullafacenti avere le fila di clientes che vi chiedono il posto alla SIV (è cambiato il nome ma non l'uso che se ne fa della più grande azienda del vastese)in cambio del voto con cui il vostro flaccido deretano trova riposo per 4 anni sulle poltrone da noi cittadini caramente pagate ogni anno. L'unica politica del comune è quella di costruire dormitori in una città di mare, incassare soldi dai costruttori senza aver mai fatto un sopralluogo sugli orrori tirati su dai nuovi conquistadores della costa vastese. Poi l'unico interesse è quello che i dormitori si popolino per 1 mese in cui i 10 manichini ausiliari che avete assunto si ripaghino la paghetta che gli date sferrando multe a tutto spiano, incuranti se poi mentre bevi un drink seduto al tavolo nell'isola pedonale ti trovi una macchina che ti suona per farti spostare perchè è rimasta bloccata fra i tavoli. La classe politica vastese negli anni è diventata sempre più incapace e sempre più vorace. C'è chi nella vita gioca al superenalotto per affrancarsi dal duro lavoro e chi si candida per il comune di Vasto. I politici vastesi non hanno nessuna credibilità a livello provinciale, ancor meno a livello regionale e sono totalmente sconosciuti nelle stanze di Roma. Tenetevi cari i vostri amichetti che tutto possono in questa città che assomiglia sempre più ad un feudo, finchè voi e loro potete, ma almeno cogliete l'opportunità di tacere quando il vostro silenzio ci può almeno lasciare il dubbio che siate incapaci.
malu su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 12:07
concordo anche io con la ragazza... ora che la discoteca possa piacere o no prima c'era intrettenimento per tutti i gusti e gratuito! ora abbiamo solo una discoteca il sabato sera ( con ingresso a pagamento, 20€ !!!!) e sopratutto lontana! se non hai la macchina ti attacchi! e ovviamente gli ubriachi alla guida spopolano in quel caso! vasto marina non offre più niente! neanche di giorno!!! ma vi ricordate il vivi vasto? l'animazione che c'era sulle spiagge? io lavoro presso una pizzeria e le lamentele dei turisti me le sento tutte! dal "ma stasera cosa c'è?" "dove si può andare?" "scusi ma un negozio?" e le mie risposte titubanti "uhm guarda il sabato c'è una discoteca....per il resto solo se volete prendervi qualcosa da bere in un bar" "negozi? signora...ci sono solo a vasto città" è scandaloso!! per tutta vasto marina ci sono solo 4 negozi in croce! ok, le persone devono riposare...giustissimo! ma abbiamo chilometri di spiaggia dove, ovviamente, non ci vive nessuno :D perhè non si fanno più le serate? perchè gli stabilimenti pensano solo a recintarci la spiaggia anzichè fare la lotta a chi offre di più per il cliente? io nelle ultime estate finisco di lavorare e torno a casa perchè mi annoio. le serate sono tutte a san salvo marina. qui non c'è più niente
Sasah su Stop alla movida, si allarga il dibattito Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 11:36
scandaloso! concordo con la ragazza che ricordava i bei vecchi tempi quando Vasto Marina d'estate era piena di lidi dove si ballava e per giunta gratis...che ricordi!!!ora Vasto marina è diventata un dormitorio anzi stranamente nei mesi estivi c'è più gente su a Vasto centro che non giù,questo è un bene da un lato ma dall'altro ci sono turisti che non salgono in centro e si annoiano e io ne ho sentiti tanti. spero solo che Vasto torni ad essere la città in cui sono cresciuta, anche rispettando le regole ma che non mi vengano a dire che a Roma i locali chiudono alla 24 perchè non è assolutamente vero al max alle 2 con volume contenuto(per modo di dire). Non si può paragonare Roma a Vasto perchè Vasto vive (purtroppo) tre mesi l'anno e a stento, Roma invece è viva tutti i giorni di tutto l'anno quindi si permette di decidere gli orari di chiusura dei locali perchè c'è anche altro da fare. A parte il cambiamento degli orari di chiusura dei locali a Vasto chi dovrebbe cambiare sono gli stessi commercianti e gestori di attività dei lidi e Hotel i quali lavorano per se stessi e non collaborano tra di loro, facendo a gara a chi guadagna di più invece di collaborare e offrire un servizio e dei prezzi più adeguati al turista. Con questo concludo.
francescopaolodadamo su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 11:02
Caro Massimo (Genovesi). Concordo in tutto, tranne nella definizione di "vecchio bacucco raggrinzito" a 51 anni. Devo tutavia sottolineare l'errore del sindaco che non è intervenuto per dettare regole e farle rispettare ma per "accontentare", prima gli esercenti poi i residenti. Insomma il solito "cerchiobbottaio" della politica. Così facendo ha scontentato tutti. Non mi si dica che .... l'anno prossimo. Succederà che fra un po' di tempo i problemi saranno altri e giunti alla prossima stagione estiva quelli di cui stiamo "discutendo" oggi, resteranno. Come il piano spiaggia e le recinzioni. si parla, si parla e poi .....
michele su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 10:53
Dare a qualcuno la percezione che a Vasto si facciano cose senza limiti e nell'anarchia è profondamente sbagliato. Il punto è che col menefreghismo dell'amministrazione per queste necessità si creano gli sfoghi forzati e quindi vai con i concertini fai da te, dove l'orario, l'amplificazione, la scelta del gruppo e tutto il resto sono alla carlona. Andrebbero concessi gli spazi adatti senza discriminazioni, perchè gira gira ha ragione antonio, per vasto vanno bene solo le cosine piu' tranquille, quando si tratta di qualcuno che pesta duro, mai sia, chi sono sti drogati, la musica del diavolo... roba da medioevo della civiltà. LE conseguenze sono quelle che dice il signor massimo, la frustrazione che porta a ubriacarsi e tirare avanti fino alle 5 del mattino insoddisfatti. Si pensi anche al mortorio d'inverno, per prevenire queste situazioni di disagio va offerto qualcosa ai giovani, cosa offre vasto oltre ai locali per bere? Il nulla.
Massimo Genovesi su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 10:36
Mi permetto di entrare anche io e per la prima volta nel dibattito anche se ormai sono un vecchio bacucco raggrinzito avendo 51 anni suonati. Abito in Piazza Barbacani dal 1993 per scelta e quindi non pretendo di stare nel silenzio altrimenti sarei andato ad abitare in campagna, infatti non ho mai protestato per il rumore che credetemi (verificate se volete) si è sempre protratto ben oltre l'una continuando poi con gente che, esaltata da qualche bicchiere in più, continuava ad urlare, giocare a calcio in piazza, rompere arredi urbani ecc. spesso fino alle cinque del mattino senza che nessuno intervenisse. Sono sempre stato cliente e amico dei locali sotto casa e non penso di essere contro i giovani che hanno tutto il diritto di divertirsi (ho tre figli di 25, 19 e 13 anni di età che regolarmente escono la sera e a cui ho semplicemente chiesto di rispettare tutti, di essere educati e non dare fastidio a nessuno). Purtroppo, da qualche tempo, si pensa che fare turismo qualificato sia sparare una quantità enorme di decibel (spesso anche di scarsa qualità) per ore e ore tutte le sere. Non credo che nelle località turistiche più avanzate l'offerta sia questa altrimenti mi preoccuperei molto per il settore. Nel mese di maggio u.s. ho chiesto semplicemente e inutilmente non di non fare musica ma di abbassare un pò il volume perché credetemi in casa non riesco a comunicare con i miei familiari senza urlare e penso francamente di non aver chiesto molto e di non aver leso i diritti di nessuno. Non sono impegnato politicamente e quindi non devo difendere l'operato dell'amministrazione ma penso che il provvedimento del Sindaco voglia essere uno stimolo per stabilire un dibattito sul tema in cui giovani, operatori del settore musicale ed esercenti stabiliscano delle semplici regole che tutelino le esigenze di tutti senza tarpare le ali di nessuno. Sarebbe un insulto all'intelligenza degli attori impegnati nel settore pensare che non sia possibile trovare un accordo con delle regole precise e credetemi il rispetto delle regole è un bene per tutti. Se poi questo non è possibile e bisogna continuare sulla strada di fare quello che vogliamo senza limiti ok andiamo avanti ma scusatemi non assumiamo l'alibi del turismo di qualità, arretratezza, odio contro i giovani, vecchiume, signorotti vari ecc..Grazie alla testata giornalistica che mi ha ospitato e scusate se sono stato prolisso.... dipende dall'età.
francescopaolodadamo su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 09:47
Purtroppo se parlo io faccio campagna elettorale, se parlano gli altri no. Caro Marco (Marra) inutile cucire il vestito di "Arlecchino". La decisione del "tuo" sindaco è stata intempestiva e sbagliata. Non è difendibile, soprattutto per le motivazioni che ha dato. Il "temporeggiatore" ha aspettato la "fine" dell'estate (alla faccia della "destagionalizzazione") per poter salvare "capra e cavoli" e ottenere il risultato di avere la "botte piena e la moglie ubriaca" ma, come per tante altre cose, non c'è riuscito. Tu sai quanto è stato fatto negli anni addietro e quanto si è dovuto lottare per ottenere certi risultati (per esempio, i concerti rock al Genova-Rulli o alla Vittoria Colonna li hai dimenticati?) Parli di The Wall, ma ero ragazzino io quando è uscito, sei sicuro che è questo che i giovani vogliono? Non è che come negli anni '70 quando noi giovani di allora sognavamo i Led Zeppelin, i Pink Floid o almeno i New Trolls, a Vasto ci "offrivano" Rita Pavone o Peppino di Capri? E la creatività; e la voglia di mettere in mostra le proprie capacità dove le metti? Critichi gli esercenti della Marina. Come possono operare se ogni volta hanno problemi? Chi deve indicare loro una strada da seguire? Tempo fa in un articolo, evidenziavo il fatto che i giovani "vastaroli" dovevano andare a Petacciato per trovare il loro ambiente, perchè non si è trovata la maniera di farli rimanere alla Marina. B. D'E. (uno che suona la notte) su Fb segnalava gli schiamazzi di San Salvo Marina (dove lui abita) già a inizio Luglio. L'aiuto che bisognerebbe dare ai pubblici esercenti consiste nell' ascoltare le loro richieste e dettare delle regole precise, mentre per i giovani ... già i giovani. Chi è stato "giovane" sa cosa vogliono i giovani, caro Marco (Marra), chi non lo è mai stato invece ...
Andrea su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Martedì, 31 agosto 2010 alle 00:10
Marco, ciao prima di tutto, con gli overcut volevamo fare una serata in un locale a Vasto marina e non c'è stato verso di avere autorizzazione. Io non credo che sia l'intraprendenza dei locali san salvesi ma semplicemente l'elasticità dell'amministrazione. In più il beat cafè è precisamente sotto un palazzo non mi sembra così disabitata l'estate san salvo marina.
antonio su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 23:12
Marco c'ero... ma parlo di esibizioni dal vivo e quanto all'acoustic music festival non dubito sia stato interessante, ma ormai anche quello denota che tutta la scelta per vasto deve essere fatta sempre in modo assai misurato e sommesso....acustico, jazz, folk, classica oppure tarantelle e compagnia bella.. Solo nelle piazzette qualche band locale, grazie ai commercianti e con tutti i limiti e problemi del caso. Fra san salvo termoli e petacciato c'e' molto di piu' e anche a san salvo marina ci sono i palazzi, sopra al locale che dicevo ci dormono delle famiglie. Forse loro si che sono persone di mondo rispetto a qualche sparuto vecchio rompicoglioni di vasto a cui si da tanto ossequio.
marcomarra su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 22:33
antonio, quest'estate ai giardini di palazzo d'avalos ti sei perso la proiezione di the wall dei pink floyd, regia di alan parker. e a seguire una genuina discussione sul rapporto tra musica, cinema e letteratura con Alex infascelli, umberto palzzo e giovanni di iacovo. sono certo ti sarebbe piaciuto. e sempre a palazzo d'avalos c'è stato un bellissimo concerto rock nella rassegna new acustic festival con un musicista strepitoso di cui, mi perdonerai, ma non ricordo il nome ma apprezzatissimo da tutti i presenti che hanno riempito palazzo d'avalos. tanto per informare
marcomarra su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 22:16
a parte che san salvo marina non ha abitazioni a ridosso della spiaggia come a vasto, ma michiedo... i locali che a san salvo mettono musica e fanno concerti sono aiutati dall'amministrazione oppure sono semplicemente più intraprendenti. mi faccio questa domanda perchè negli ultimi anni a Vasto città si è visto una crescita esponenziale della movida notturna, in controtendenza con Vasto marina dove i locali non sembrano aver sfruttato al meglio l'isola pedonale imposta dall'amministrazione comunale. A vasto città, l'amministrazione ha facilitato l'apertura di nuovi locali e i nuovi gestori si sono dimostrati all'altezza e stanno lavorando bene, con la felicità di tutti, turisti compresi che senza troppa difficoltà avranno trovato musica dal vivo in piazza caprioli, piuttosto che a piazza barbacani o piazza pudente. Allora il merito è di tutti come il demerito, ognuno deve fare la sua parte, amministratori pubblici come esercenti e singoli cittadini, compresi i residenti del centro storico che devono ruscire a sopportare la musica, perchè nonostante tutto il turismo potrebbe portare beneficio anche a loro, con il ritorno in servizi più efficenti per la città. cordialmente saluti
antonio su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 21:56
Caro Sindaco ci spieghi perchè i giovani di vasto per sentire un po' di rock devono andare per forza a San Salvo al Beat cafe'. Solo perchè a San Salvo non si lamenta nessuno? Ci vuole rispetto per TUTTE le espressioni musicali, non solo per la roba da teatro o per la classica, ma anche e forse occorrerebbe dire soprattutto per quelle piu' fastidiose ed incomprensibili per qualcuno. E' proprio quella la partita del "vero interesse". Ad esempio non ho mai visto un concerto rock al palazzo d'avalos e credo sarebbe una location splendida per farci un'intera rassegna di musica rock, a Vasto non mancano i bravi organizzatori e lei lo sa bene.
VoglioVastoViva su Stop alla movida, i giovani: "Il Sindaco ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 20:28
Bravissimo Andrea,hai fatto bene a mandare questa lettera!!!Lapenna non si giustificasse...a Rimini e Roma possono chudere anche alle 24 ma di certo hanno molte più alternative di Vasto..Penso anche che i tursiti che vengo a Vasto e decidono di alloggiare negli appartamenti nel centro di Vasto Marina sanno a cosa vanno incontro...ci siamo anche noi giovani a Vasto non ce lo dimentichiamo,possiamo almeno d'estate godere un po' della nostra città??Se basiamo le serate musicale solo sui seminari e la musica classica credo che in molti resterebbero insoddisfatti (con tutto il rispetto per la classica che a me piace anche ma la gente è varia e anche i gusti)...Io ho 20 anni e mai come quest'anno,sia d'estate che d'inverno,spesso sono dovuta andare a San Salvo per passare qualche serata in compagnia della musica...Eppure Vasto è una città che pulula di giovani artisti,ci sono band musicali che si formano ogni giorno ma non riescono a trovare spazio e non si capisce il perchè...Menomale che a questo sindaco manca poco!!!
michele su Stop alla movida, i giovani: "Lapenna ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 18:28
Bravo Andrea. Fa specie sapere che a Vasto, con le potenzialità che ci sono, basta qualche vecchio signorotto arretrato per soggiogare gli amministratori di sinistra (?) che ormai si prestano a certe esternazioni oscurantiste. Non succede piu' nemmeno nei paesini dove c'e' tanto analfabetismo. Quanto vecchiume, quanto menefreghismo e quanto paraculismo. Chi vuole silenzio per dormire a qualunque ora dovrebbe andare ad abitare in campagna. Una città per vivere e svilupparsi non ha bisogno di queste idiozie ma di tutti quei giovani che se ne sono andati e che inevitabilmente continueranno ad andarsene.
maurizio su Stop alla movida, i giovani: "Lapenna ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 18:24
autorizzazione x musica in un locale di pubblico esercizio quel che autorizza uff.commercio e che recita così.la tonalità dovrà essere contenuta in modo da non arrecare pregiudizio alla quiete pubblica ed il funzionamento dovrà iniziare non prima delle ore 10,00,restare sospeso dalle ore 13,00 alle ore 16,00 e cessare non oltre le ore 24,00. e revocabile in qualsiasi momento per motivi d'ordine e sicurezza pubblica,per inosservanza delle prescrizioni di cui sopra nonchè delle altre norme in vigore e per abuso da parte del titolare.le leggi ci sono ?facciamole rispettare !il signor sindaco non ha punito tutti,ma avertito quelli che abusano della legge il riposo nostro e dei cittadini è sacrosanto ma l'abusivismo in ogni forma che sia non è accettabile anche a te che piace la movida.che ne diresti s'e mettessi un bel locale sotto casa sua e mettere musica fin'oltre l'orario consentito?mettiamoci un pò di risse e bottiglie rotte o sparse davanti casa sua con schiamazzi fin la mattina all'alba e poi ne possiamo parlare.il sindaco non vuole reprimere niente vuole difendere entrambi gli schieramenti e difendere i locali che non possono pagare x gli errori di singoli locali che non rispettano le ordinanze e le regole ,io sono x, punire il locale che delinque e non rispetta l'orario della musica anche avendo un'autorizzazione oltre l'autorizzazione stessa iniziale di un'ora circa,per questi pochi paghiamo tutti sia altri locali che il cliente che vuole intrattenersi più a lungo durante lo movida notturna!!un commerciante di vasto m.con 34 anni di rervizio x essa.
michela su Stop alla movida, i giovani: "Lapenna ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 17:40
ho vissuto a vasto fino all'età di 15 anni...nella mia cara e adorata vasto!!! ogni anno cerco di tornare a respirare i profumi della mia terra , a perdermi nei suoi colori... ho notato xò che ultimamente vasto è cambiata.. nelle sere d'estate prima ci si divertiva un sacco, ogni sera cerano almeno 2 o 3 lidi che organizzavano qualcosa : musica dal vivo , balli ecc....ora l'unica cosa che è rimasta sono quei 3 o 4 bar che intrattengono i giovani!!!1 IO MAMMA DI 2 SPLENDIDE BAMBINE ,29 ANNI CON TANTA VOGLIA DI DIVERTIRMI....sono 2 anni che la sera mi sposto a san salvo ....VASTO HA ORO TRA LE MANI MA NON è PIù CAPACE DI SFRUTTARLO!!!!! by nostalgica.
esterrefatto su Stop alla movida, i giovani: "Lapenna ha calpestato le nostre speranze" Postato Lunedì, 30 agosto 2010 alle 16:32
ringraziamo i cittadini bacchettoni che fanno petizioni e che si lamentano in continuazione. Se Lapenna ,sicuramente sbagliando in modo grave e prendendo una decisione fuori luogo, ha fatto questo tipo di scelta e' dovuto soprattutto a questi bacucchi anziani raggrinziti se non fisicamente ,ma sicuramente mentalmente.
Commenta la notizia

(*) = campi non opzionali

ATTENZIONE: il tuo commento verrà pubblicato previa moderazione della redazione

Il Grillo TV

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

In "e-dicola" ...